Sviluppo del mercato digitale




Sviluppo del mercato digitale

Sviluppo del mercato digitale

Dove sta andando il mercato della musica?

Lo sviluppo esponenziale del mercato digitale, negli ultimi dieci anni, è ormai palese per chiunque. Non servono dati e ricerche per rendersi conto che questa nuova modalità di fruizione è diventata sempre più presente e importante. Dopo tutti questi anni il digitale non ha ancora mostrato debolezze tali da giustificare l’eventuale abbandono di tale formato. Sono cambiate le modalità di fruizione e in contemporanea il digitale èn riuscito ad arrivare in maniera capillare praticamente ovunque. Ora la musica digitale può essere ascoltata potenzialmente da milioni di ascoltatori sparsi nel mondo. Lo sviluppo della tecnologia dei dispositivi mobili e la nascita di servizi dedicati ha reso le cose più semplici per molti ascoltatori. Ora puoi avere  un catalogo sconfinato a tua disposizione direttamente sul tuo smartphone. Agli albori di questo formato le cose erano più complicate e per un ascoltatore accedere a piattaforme per il download digitale non era sempre agevole. I servizi in streaming sono molto recenti e offrono un modello diverso da quello che caratterizza la fruizione della musica presso gli store di download digitale.

Abbiamo anche dei dati a supporto. Il report annuale diffuso da Ifpi mostra una crescita negli ultimi dieci anni. Mostrando però anche un complessivo calo delle vendite in generale. In questo discorso oggi si inserisce il vinile che è tornato anche in ambito mainstream, dimostrando che un formato che alcuni pensavano ormai obsoleto ha invece motivo esistere convivendo con i nuovi formati digitali.

Streaming

Uno dei cambiamenti più rilevanti di questi ultimi anni è stata la comparsa di servizi che offrono musica in streaming. Se vogliamo analizzare lo sviluppo del mercato digitale, non possiamo ignorare questo formato. Tale metodo di fruizione si è inserito con una certa veemenza all’interno di un contesto che ancora non aveva ben assimilato il concetto di download. Oggi si apre una nuova area di business per etichette, produttori e artisti. Un nuovo modo di acquistare la musica e un nuovo modo per alimentare i guadagni dell’industria musicale. Di certo in questi ultimi anni non sono mancate le polemiche in merito ai pagamenti, a detta di alcuni, troppo bassi. Ciò nonostante questo genere di servizio sembra resistere. Alcuni importanti rappresentanti  hanno deciso di non abbracciare anche la modalità “Free”, offrendo contenuti solo su abbonamento. I due servizi di punta che si muovono in questo senso sono Napster e Tidal. Napster ha fatto un passo indietro e ha smesso di offrire la modalità gratuita, mentre Tidal non credo l’abbia mai offerta. Secondo Napster non è un modello sostenibile e a quanto pare Tidal sembra essere dello stesso avviso.

Perché è utile per un artista emergente?

Mentre ci chiediamo quale sarà il passo successivo per la musica digitale, possiamo usufruire dei vantaggi portati dai servizi in streaming. Uno degli aspetti più interessanti di questo sviluppo del mercato digitale per un artista emergente è di sicuro la possibilità di arrivare a nuovi ascoltatori. L’utente delle piattaforme in streaming è incoraggiato ad ascoltare brani nuovi dal fatto che non paga per il singolo brano. Questa modalità infatti permette a chi ascolta di testare nuovi generi o artisti senza dover “investire” sulla singola traccia. Se all’ascoltatore il brano non piace, può andarsene senza aver speso un centesimo, ma se lo apprezza, rimarrà sulla vostra pagina e magari inizierà a seguire la vostra attività anche fuori dalla piattaforma. In sintesi lo streaming può portare nuovi fan e quindi non si può escludere.

Il mercato digitale va seguito costantemente,perché i cambiamento possono essere repentini e stravolgere il modello di business precedente. Questo nuovo mercato, anche se porta in dote il fatto di dover essere sempre pronti a modificare le proprie strategie, è ricco di opportunità per chi vuole farsi conoscere. Rimanere sempre aggiornati può darvi un vantaggio rispetto a chi ignora questi aspetti. Il mio consiglio è di cercare di rimanere attenti e pronti ad accogliere un nuovo possibile cambiamento. A quanto pare la flessibilità è ora una qualità più che mai necessaria.

Paolo Giacometti

Musicista 3.0 – Pagina Facebook

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato!

(C) (P) 2017 Paolo Giacometti. (C) (P) 2017 Pubblica la tua musica da indipendente. Tutti di diritti riservati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *